NOI SIAMO IL MARE

Nieddittas Magazine

 

Come conoscere una ragazza al mare

Come conoscere una ragazza al mare

Le belle giornate di sole alleggeriscono gli animi e, quando finalmente arriva il tempo di andare al mare, l’umore è sereno e la mente in vacanza: siamo al meglio di noi. Insomma, l’estate è la stagione perfetta per fare nuove conoscenze e, chissà, trovare l’amore.

Perché l’acqua di mare non si può bere?

Perché l’acqua di mare non si può bere?

L’acqua marina è chiamata anche acqua salata perché in essa sono disciolte quantità significative di sali, tra i quali il cloruro di sodio. Capiamo meglio perché l’acqua di mare non si può bere e quali sono le conseguenze se si ingerisce una quantità eccessiva.

PARLANO DI NOI
Rassegna stampa Nieddittas

COME LE CUCINI OGGI?
Le ricette di Nieddittas

Come conoscere una ragazza al mare

Come conoscere una ragazza al mare

Le belle giornate di sole alleggeriscono gli animi e, quando finalmente arriva il tempo di andare al mare, l’umore è sereno e la mente in vacanza: siamo al meglio di noi. Insomma, l’estate è la stagione perfetta per fare nuove conoscenze e, chissà, trovare l’amore.

Perché l’acqua di mare non si può bere?

Perché l’acqua di mare non si può bere?

L’acqua marina è chiamata anche acqua salata perché in essa sono disciolte quantità significative di sali, tra i quali il cloruro di sodio. Capiamo meglio perché l’acqua di mare non si può bere e quali sono le conseguenze se si ingerisce una quantità eccessiva.

Dove si trovano le ostriche?

Dove si trovano le ostriche?

L’ostrica è un mollusco bivalve: ha una conchiglia composta da due “pezzi”, detti appunto valva. L’ostrica è di forma tondeggiante, con i margini dei due lembi del mantello frangiati. Ma dove si trova? Ecco la risposta e qualche informazione su questo frutto di mare.

Quanti tipi di sabbia esistono?

Quanti tipi di sabbia esistono?

Il termine sabbia in geologia e sedimentologia indica una precisa classe granulometrica. Le sabbie si differenziano sia per la loro composizione chimica che per la loro costituzione fisica. Parliamo delle varie tipologie.

Dove andare al mare in Sardegna?

Dove andare al mare in Sardegna?

La Sardegna è caratterizzata da un’infinita varietà di bellissime spiagge, dalle quali si può godere del suo mare dall’acqua cristallina e fondali prevalentemente bassi. Per molti avere così tanta scelta rende difficile decidere dove andare al mare in Sardegna, ecco perché abbiamo provato a creare una lista delle spiagge più importanti.

Come si cucinano i tartufi di mare

Come si cucinano i tartufi di mare

I tartufi di mare sono dei molluschi appartenenti alla famiglia dei Veneridi, molto simili alle vongole ma più grandi, carnosi e consistenti. Ma come si cucinano i tartufi di mare? Scopriamo alcune ricette che delizieranno il vostro palato.

Come conoscere una ragazza al mare

Come conoscere una ragazza al mare

Le belle giornate di sole alleggeriscono gli animi e, quando finalmente arriva il tempo di andare al mare, l'umore è sereno e la mente in vacanza: siamo al meglio di noi. Insomma, l'estate è la stagione perfetta per fare nuove conoscenze e, chissà, trovare l'amore.

É bello fantasticare e creare situazioni idilliache e perfette nella nostra mente, ma come conoscere una ragazza al mare nella vita reale? Ecco 5 trucchi che, con un pizzico di coraggio e iniziativa, ti aiuteranno nell'impresa.

Non preoccuparti eccessivamente del fisico perfetto o dell'abbronzatura uniforme: quel che conta è il tuo atteggiamento e disposizione a mostrarti sincero, aperto e umano. Non costruire un personaggio o un discorso imparato a memoria: niente è capace di suscitare interesse quanto una porta aperta verso l'interiorità.

Detto questo, vediamo come conoscere una ragazza al mare mettendo in pratica questi consigli e... buona fortuna!

1. Ci serve un giocatore in più

Questo è probabilmente il trucco che richiede meno coraggio: ti avvicinerà facilmente alla ragazza che ti piace, ma allo stesso tempo, trattandosi di una situazione di gruppo, renderà più complesso intraprendere una conversazione personale e riservata. Ma se avrai pazienza, la situazione potrà svilupparsi spontaneamente col tempo, l'importante è aver creato il primo contatto.

Come potrai immaginare, il trucco richiede una situazione di base in cui tu e i tuoi amici state facendo un gioco da spiaggia e vi manca un giocatore (o anche due o tre giocatori, se vuoi includere qualche sua amica). Un classico gioco potrebbe essere beach volley o “schiaccia sette”: con un po' di ingegno potrai riuscire a far cadere “casualmente” la palla proprio a fianco a lei e poi, con disinvoltura, proporle di unirsi al gioco, in quanto vi serve un giocatore in più.

Una situazione leggermente diversa potrebbe crearsi nel caso in cui tu e i tuoi amici stiate facendo un gioco di carte. In questo caso dovrai prendere un po' di coraggio per alzarti e andare attivamente a chiederle di unirsi il gioco. Salvo certo che tu voglia rischiare di perdere una carta facendola volare vicino al suo ombrellone.

Questa situazione è più intima e rilassata rispetto alla precedente: sarà più facile portare avanti conversazioni e potrete ascoltare musica, creando una situazione di agio.

2. Hai un accendino?

La tattica dell'accendino è valida in ogni situazione: dalle pause scolastiche fuori dall'aula, alle feste o alla fermata dell'autobus. Perché allora non approfittarne anche al mare per avvicinarti alla ragazza che ti piace?

Se vuoi applicare questo trucco, però, serviranno molto coraggio e iniziativa per non andar via subito dopo aver ricevuto (o non aver ricevuto) il suo accendino. Se le risponderai “grazie” e volterai le spalle, questo trucco si rivelerà sicuramente di poco successo.

Prenditi il tuo tempo e butta lì una domanda o un'affermazione: “di dove sei?”, “io comunque mi chiamo X, piacere”, “vieni spesso in questa spiaggia?”, la scelta è vasta, buttati!

3. Che libro leggi?

Se i due trucchi precedenti sono applicabili facilmente, questo richiede invece una situazione specifica: lei deve star leggendo o, almeno, avere un libro al suo fianco. In spiaggia la lettura sotto l'ombrellone è un diletto di molti, quindi non sarà difficile trovare il momento giusto per questo trucco.

Quando si è immersi in un libro, può far piacere condividere con un'altra persona i propri pensieri al riguardo, cosa ha colpito e cosa ha fatto riflettere. Mostrarti interessato ad ascoltare e incuriosito dal libro può essere un ottimo inizio per una conoscenza, purché l'interesse sia autentico. Inoltre, si avranno innumerevoli spunti per portare avanti la conversazione.

Attenzione però a non esagerare: con questo trucco è facile che lei si senta invasa nel suo spazio privato. Abbi delicatezza e sii attento al linguaggio non verbale.

4. Musica e amici

Questo trucco è adatto alla sera: dall'ora del tramonto in poi. Organizzare un ritrovo di amici in spiaggia con musica e birre fresche crea la situazione perfetta per fare nuove conoscenze e, a differenza del primo trucco, sarà facile allontanarsi a chiacchierare con la ragazza che ti interessa per approfondire la conoscenza lontano dal gruppo.

L'importante, per mettere in atto questa mossa, è avere il coraggio di chiedere alla ragazza che ti piace di unirsi con le amiche al vostro gruppo. Se non hai il coraggio potresti chiedere ad un amico più estroverso di fare il lavoro per te, ma qui la situazione diventa rischiosa e dovrai assicurarti, una volta che lei si è unita al gruppo, di avvicinarti a fare conversazione.

5. Racchettoni

Divertimento da spiaggia per eccellenza, tutti amano giocare a racchettoni. Ci sono due metodi per applicare questa tattica e conoscere una ragazza al mare:

  1. puoi giocare con un tuo amico e far volare la pallina vicino al suo asciugamano. Quando poi ti avvicini per recuperarla, proponile di giocare contro di te per scusarti. In questo modo la proposta risulterà disinvolta e non avrai bisogno di troppo coraggio per metterla in pratica;
  2. la seconda versione è un po' più imbarazzante, ma il coraggio che serve per metterla in pratica potrebbe venire in tuo favore. Prendi le racchette e la pallina e avvicinati con sicurezza alla ragazza che ti piace. Chiedile se le farebbe piacere giocare con te, dato che i tuoi amici sono troppo pigri per accontentarti.

Se vuoi dare un tocco più piccante alla proposta, chiedile di giocare con te non perché i tuoi amici sono pigri, ma perché la trovi interessante e vorresti passare del tempo con lei.

Perché l’acqua di mare non si può bere?

Perché l’acqua di mare non si può bere?

Sarà capitato anche a voi di ingerire una piccola quantità di acqua durante un bagno al mare e avrete notato che non è affatto piacevole perché contiene una quantità eccessiva di sale, potenzialmente pericolosa per il nostro organismo. Capiamo meglio perché l’acqua di mare non si può bere e quali sono i suoi effetti sul corpo umano.

L’acqua del mare

L’acqua marina è chiamata anche acqua salata perché in essa sono disciolte quantità significative di sali, tra i quali il cloruro di sodio. Mediamente la concentrazione salina equivale a 35 grammi per litro, contro un decimo di grammo nell’acqua di fiume.

Nel nostro sangue, invece, la concentrazione salina, che permette la circolazione dei nutrienti e garantisce la funzionalità degli organi, sta intorno allo 0,9%. Nel nostro organismo sali e acqua sono in equilibrio osmotico per garantire il corretto funzionamento degli organi. Cosa succede allora se si beve acqua di mare?

L’equilibrio idrosalino

Per comprendere meglio perché l’acqua di mare non si può bere dobbiamo spiegare come funziona il principio di osmosi.

Tutte le nostre cellule sono rivestite da una membrana semipermeabile attraverso la quale l’acqua si sposta da una soluzione meno concentrata a una soluzione più concentrata. La membrana cellulare permette all’acqua di passare ma non al sale.

In una situazione normale, la concentrazione di sale all’interno delle nostre cellule è uguale alla concentrazione esterna perché c’è un perfetto equilibrio osmotico. Se si beve acqua di mare al posto dell’acqua dolce questo equilibrio si altera e per ristabilirlo si possono avere delle conseguenze anche gravi.

Facciamo un esempio. Se immergete dell’uva passa in un bicchiere d’acqua, l’uvetta si gonfierà di liquido perché lo assorbe, aumentando di volume. Lo stesso accade nel nostro corpo. Se c’è più sale nel plasma rispetto alle cellule, esse si svuoteranno cedendo acqua al plasma e si atrofizzano; viceversa, se l’ambiente extracellulare è povero di sale le cellule assorbono l’acqua fino a che l’equilibrio non si sarà ristabilito.

Vediamo perché fa male bere l'acqua marina.

Conseguenze

Se si beve acqua di mare aumenta notevolmente la concentrazione di sale nel sangue e quindi il nostro organismo per filtrare ed espellere il sale in eccesso mette in funzione i reni aumentando la produzione di urina. Peccato che la salinità della nostra urina non raggiungerà mai quella dell’acqua marina e dunque per depurarci del sale e tornare in equilibrio siamo costretti a disperdere nell’urina più acqua di quanta ne abbiamo ingerita. Per questo si va incontro alla disidratazione.

Ecco quali sono gli effetti dell’acqua di mare se ingerita dal nostro corpo:

  • Il sangue diventa meno liquido.
  • Bocca asciutta.
  • Crampi e sete.
  • Aumento del battito cardiaco (al fine di garantire ossigeno agli organi).
  • Restringimento dei vasi sanguigni.
  • Nausea, debolezza.
  • Stati deliranti.
  • Probabile blocco renale.

Se non si assumono nuovi liquidi per reidratarsi e anzi si continua a bere acqua di mare, il corpo non riesce più a reagire, si entra in uno stato di tossicosi e subentrano gravi disfunzioni renali dalle quali può derivare coma e morte.

Ovviamente si tratta di situazioni estreme, non capita di certo con la classica bevuta durante una nuotata!

Le ricette

Noi siamo il mare: è online il nuovo Nieddittas Magazine.

Noi siamo il mare: è online il nuovo Nieddittas Magazine.

Insieme al nuovo sito, che da oggi è online, Nieddittas offre ai propri fan un nuovo Magazine: si chiama “Noi siamo il mare” e sarà una sezione del sito in cui inseriremo con continuità non solo le notizie che riguardano la nostra azienda ma anche tante informazioni sul mare e sulla sua salvaguardia.

Venerdì 24 giugno: una serata davvero emozionante per Terralba

Venerdì 24 giugno: una serata davvero emozionante per Terralba

Venerdì 24 giugno è stata una serata davvero emozionante quella che ha visto l’inaugurazione del murales dipinto da Giorgio Casu. Davanti a tanti cittadini di Terralba l’artista, il sindaco e lo sponsor Nieddittas hanno presentato l’opera nel corso di una serata ricca...

Condividi NIEDDITTAS

Pin It on Pinterest