House 2004,The Big Bang Theory 2006,Back to Black 2024,watch series online,Chicago P.D. 2014,Friends 1994,watch series,Arcadian 2024,Katt Williams: New Comedy Special 2024,Back to Black 2024,Grey's Anatomy 2005,watchfreemovies,Darkness of Man 2024,Modern Family 2009,Avatar: The Last Airbender 2005,Justice League: Crisis on Infinite Earths - Part Two 2024,All American 2018,The Idea of You 2024cinezonemovies to watchcinezonemovies online freecinezonewatch movieszoroxwatch movies free onlinetheflixertvfree animemyflixerfree anime onlinelookmoviewatch movies online freefree movie websiteanixfree movies online sitelookmoviewatch free animecinezonemovies to watchflixflarefree anime streaminganixwatch movies online freetheflixertvfree tv shows streamingflixravewatch movies & tv shows onlinecine6free movie onlinecinezonefree watch movies onlinetheflixerfree movies websitemyflixerwatch movies free onlinelookmoviewatch movies online freeanixmyflixerfree watch animeflixhivefree watch movieszorotomovies free onlinemyflixerwatch movies & tv shows online

Il mare ha da sempre affascinato gli uomini: la sua forza, i suoi misteri, la sua bellezza e la sua primordialità hanno ispirato la mano dei più abili poeti. Ecco di seguito 11 poesie sul mare che vi porteranno sulla vostra spiaggia preferita: a noi di Nieddittas queste parole trasportano subito sul Golfo di Oristano, dove si trova la nostra filiera di eccellenza.

Buona lettura!

1. Mare di Giovanni Pascoli

“M’affaccio alla finestra, e vedo il mare:
vanno le stelle, tremolano l’onde.
Vedo stelle passare, onde passare:
un guizzo chiama, un palpito risponde.

Ecco sospira l’acqua, alita il vento:
sul mare è apparso un bel ponte d’argento.

Ponte gettato sui laghi sereni,
per chi dunque sei fatto e dove meni?”

2. L’uomo e il Mare di Charles Baudelaire

“Uomo libero, tu amerai sempre il mare!
Il mare è il tuo specchio; contempli la tua anima
Nello svolgersi infinito della sua onda,
E il tuo spirito non è un abisso meno amaro.

Ti piace tuffarti nel seno della tua immagine;
L’accarezzi con gli occhi e con le braccia e il tuo cuore
Si distrae a volte dal suo battito
Al rumore di questa distesa indomita e selvaggia.

Siete entrambi tenebrosi e discreti:
Uomo, nulla ha mai sondato il fondo dei tuoi abissi,
O mare, nulla conosce le tue intime ricchezze
Tanto siete gelosi di conservare i vostri segreti!

E tuttavia ecco che da innumerevoli secoli
Vi combattete senza pietà né rimorsi,
Talmente amate la carneficina e la morte,
O eterni rivali, o fratelli implacabili!”

3. Spuma di mare di Marina Ivanovna Cvetaeva

“Chi è fatto di pietra, chi è fatto d’argilla –
Io invece sono fatta d’argento e brillo!
La mia occupazione – è il tradimento, il mio nome – Marina,
io – sono l’effimera spuma del mare.
Chi è fatto d’argilla, chi è fatto di carne –
a costoro la bara e le lastre tombali …
-battezzata nella fonte marina – e nel mio
volo continuamente infranta!
Attraverso ogni cuore, attraverso ogni rete
batte il mio arbitrio.
Io – vedi questi ricci scomposti? –
non sono fatta del sale della terra.
Mi frango sulle vostre granitiche ginocchia
e da ogni onda – risuscito!
Evviva la schiuma – l’allegra schiuma –
l’alta schiuma del mare!”

4. Come se il mare separandosi di Emily Dickinson

“Come se il mare separandosi
svelasse un altro mare,
questo un altro, ed i tre
solo il presagio fossero

d’un infinito di mari
non visitati da riva
il mare stesso al mare fosse riva
questo è l’eternità.”

5. L’eternità di Arthur Rimbaud

È ritrovata.

Che cosa? L’eternità.

È il mare mischiato

col sole.

Anima sentinella,

mormoriamo la confessione

della notte così nulla

e del giorno infuocato.

Dagli umani suffragi,

dagli slanci comuni

là ti liberi

e voli dove vuoi.

Poiché soltanto da voi,

o braci di raso,

il dovere si esala

senza che si dica: finalmente.

Là, nessuna speranza,

nessun orietur.

Scienza con pazienza,

il supplizio è sicuro.

È ritrovata.

Che cosa? L’eternità.

È il mare mischiato

col sole.

6. Al mare di Edmondo De Amicis

“Salve, o gran mar! Come un eterno aprile
Al canto sempre il riso tuo m’invita
E mi fa ne la carne invigorita
L’onda bollir del sangue giovanile.
Salve, adorato mar! Sgomento al vile,
Tripudio al valoroso, all’egro vita,
Mistero immenso, gioventù infinita,
Bellezza formidabile e gentile!
T’amo allor che l’immane ira nei liti
Frangi, dei lampi al funeral bagliore,
Amo i tuoi flutti enormi e i tuoi ruggiti;
Ma più assai de’ ruggiti il tuo sussurro
Lento e solenne che addormenta il core,
O sterminato cimitero azzurro.”

7. Sabbia e Spuma di Khalil Gibran

“Per sempre camminerò su questi lidi,
Tra la sabbia e la spuma,
L’alta marea cancellerà le mie orme,
E il vento soffierà via la spuma.
Ma il mare e la spiaggia rimarranno
Per sempre.”

8. Acqua che all’acqua torna di José Saramago

“Acqua che all’acqua torna, di luce sfrangiata,
si apre l’onda in spuma.
Movimento perpetuo, arco perfetto,
che si erge, ricade e rifluisce,
onda del mare che il mare stesso nutre,
amore che di se stesso si alimenta.”

9. La nostra vita naviga su un mare di Rabindranath Tagore

“La nostra vita naviga su un mare
Mai attraversato, le cui onde,
si inseguono l’un l’altra giocando
a un eterno rimpiattino.
È il mare agitato del mutamento,
che pascola le sue schiumanti
greggi, e mille volte le disperde,
che batte incessante le sue mani
contro la calma del cielo.
Nel centro di questa volteggiante
Danza di guerra di luce e di buio,
amore, tua è quell’isola verde,
dove il sole bacia la ritrosa
ombra della selva ed il silenzio
è corteggiato dal canto di uccelli.”

10. Maestrale di Eugenio Montale

Scritta nel 1925, fa parte di “Ossi di Seppia” la raccolta più importante del poeta ligure. Protagonista assoluto il mare, ecco il testo:

S’è rifatta la calma

nell’aria: tra gli scogli parlotta la maretta.

Sulla costa quietata, nei broli, qualche palma

a pena svetta.

Una carezza disfiora

la linea del mare e la scompiglia

un attimo, soffio lieve che vi s’infrange e ancora

il cammino ripiglia.

Lameggia nella chiarìa

la vasta distesa, s’increspa,

indi si spiana beata

e specchia nel suo cuore vasto codesta povera mia

vita turbata.

O mio tronco che additi,

in questa ebrietudine tarda,

ogni rinato aspetto co’ tuoi raccolti diti

protesi in alto, guarda:

sotto l’azzurro fitto

del cielo qualche uccello di mare se ne va;

né sosta mai: ché tutte le cose pare sia scritto:

“più in là”.

11. Miracoli di Walt Whitman

Siamo giunti all’ultima delle poesie sul mare di questa lista:

“Perché la gente fa tanto caso ai miracoli?
Per quanto mi riguarda io non conosco altro che miracoli,
sia che passeggi per le vie di Manhattan,
o levi il mio sguardo sopra i tetti, verso il cielo,
o sguazzi coi piedi nudi lungo la spiaggia, proprio sul filo dell’acqua,
o mi fermi sotto gli alberi, nei boschi,
o parli, di giorno, con chi amo, o dorma, di notte, accanto a chi amo,
o sieda a pranzare a un tavolo insieme ad altri,
o getti uno sguardo agli estranei che viaggiano in tram di fronte a me,
o spii le api che nei pomeriggi d’estate si affaccendano intorno all’alveare,
o gli animali al pascolo nei campi,
o gli uccelli, o gli straordinari insetti dell’aria,
la meraviglia del tramonto, le stelle che brillano placide e luminose,
o la delicata sottile curva della luna nuova in aprile;
queste cose, e le altre, una e tutte, sono miracoli per me,
a tutto si riferiscono anche se ognuna è distinta dalle altre,
e al suo posto.
È un miracolo per me ogni ora di luce e di buio,
è un miracolo ogni centimetro cubo di spazio,
ogni metro della superficie terrestre è impregnato di miracolo,
formicola di miracoli ogni centimetro del sottosuolo.
Il mare è per me un miracolo senza fine,
i pesci che nuotano – gli scogli – il moto delle onde –
le navi che portano gli uomini,
quali i miracoli più strani di questi?”

CONDIVIDI NIEDDITTAS

Pin It on Pinterest