yeahmoviesyeahmoviesupmoviesupmoviesvumoovumoowatch animewatch animelookmovielookmovieflixtorflixtormoviestowatchmoviestowatchgogoanimegogoanimehdtodaytvhdtodaytvmyflixermyflixerAlice & Jack (2024), losmovies, Hidden Strike (2023), free movies online site, watch movies online,

Sappiamo che il mar Ionio è il mare più profondo d’Italia o che il Mar Nero, ad esempio, ha una profondità media di 1.253 metri, mentre gli oceani possono raggiungere profondità anche di 11 chilometri. Ma come si misurano le profondità del mare?

Si deve al tedesco Alexander Behm l’invenzione dell’ecoscandaglio nel 1913, lo strumento che si usa per misurare le profondità marine e le distanze. Spieghiamo meglio come funziona.

Cos’è l’ecoscandaglio?

L’ecoscandaglio è lo strumento che si usa per misurare le profondità marine, ma anche di laghi e fiumi. È l’evoluzione dello scandaglio usato per millenni dai marinai.

L’apparecchio funziona trasformando gli impulsi elettrici in ultrasuoni di frequenza determinata. Posto sotto la chiglia di una nave, è in grado di stabilire tramite un computer a che distanza si trova il fondo marino.

La tecnologia è identica a quella del Sonar (Sound Navigation And Ranging IT: navigazione e misura distanze col suono). Si registra l’intervallo di tempo tra l’emissione e il ritorno dell’impulso sonoro, poi dividendo per due si ottiene la profondità dell’acqua di mare in quel preciso momento.

Chi vive nelle profondità marine?

Conoscere le profondità del mare è utile per la navigazione o per scopi grafici e per capire a quale profondità vivono le diverse specie.

Pensate che solo il 5% dei mari è stato esplorato, il restante 95% nasconde ancora misteri e scoperte affascinanti. Esiste ad esempio l’ipotesi che negli abissi marini persista una fauna di epoche geologiche passate.

Gli animali che vivono negli abissi sono diversi da quelli che abitano in superficie; sono in grado di adattarsi alle condizioni estreme grazie a particolari strutture anatomiche e fisiologiche e molte volte sono caratterizzati da un aspetto particolare. Alcuni, ad esempio, per sopravvivere alle scarse risorse di cibo o alle pressioni estreme, sono dotati di una struttura possente e enorme: si tratta di una condizione chiamata “gigantismo abissale”. Ne è un esempio il granchio gigante del Giappone, ovvero l’artropode più grande al mondo che può vivere fino a 100 anni!

Se siete curiosi, leggete qual è il pesce che vive più in profondità.

CONDIVIDI NIEDDITTAS

Pin It on Pinterest